occhio a cartellini e doppia chance

occhio a cartellini e doppia chance

Dei 204 Derby della Mole giocati nella storia in gare ufficiali, quello in programma all’Olimpico domani pomeriggio è certo tra i più delicati di sempre. Torino-Juventus è stato spesso e volentieri un derby sbilanciato in favore dei bianconeri, in particolare nei recenti anni di dominio totale della Juve in Italia. L’attuale versione della Vecchia Signora è però tra le più in difficoltà che si ricordino, dunque l’impressione è che non capiteranno molto spesso occasioni più propizie per approfittarne, da parte dei granata. Diamo un occhio ai mercati delle scommesse sul calcio, per capire dove e perché è il caso di orientare le nostre puntate su Torino-Juventus.

Torino-Juventus, finalmente in equilibrio

Da una parte l’aristocrazia bianconera, dall’altra l’orgoglio anche proletario del Toro. Il Derby della Mole si è sempre caratterizzato per questo tipo di opposizione, anche se appare piuttosto difficile accostare l’idea di proletario a dei calciatori professionisti. Diciamo che la storia di questa partita ha vissuto capitoli piuttosto grigi a partire dagli anni ’10, ovvero da quando la Juventus ha iniziato l’ultimo – lunghissimo – ciclo vincente. Da un paio di stagioni, però, i valori sembrano essersi riavvicinati, pur rimanendo un enorme divario in valore tecnico ed economico tra le due rose, soprattutto a livello di ingaggi.

Questa Juve sembra essere arrivata al punto più basso degli ultimi anni, probabilmente fra i più bassi della sua storia. L’organico ha sempre un valore alto, ma la compattezza del Toro di Juric potrebbe tirare un brutto scherzo a una Vecchia Signora che non perde un derby dal 2015, esattamente da quando il Toro di Ventura batté la Juve 2-1 con gol decisivo dell’ex Quagliarella.

Come arrivano il Torino e Ivan Juric

11 i punti raccolti finora dal Torino in campionato, frutto di 3 vittorie, 2 pari e 4 sconfitte. Il pareggio arrivato in extremis contro l’Empoli in casa ha chiuso una pericolosa striscia di 3 rovesci consecutivi, due dei quali arrivati comunque contro squadre superiori come Napoli e Inter. Il KO col Sassuolo era stato il punto più basso della stagione anche se il Toro ha sicuramente raccolto finora meno di quanto prodotto. Va detto però che la squadra di Juric ha qualche problema di produzione offensiva, e questo potrebbe ripresentarsi anche nel Derby.

Mancheranno infatti sia Sanabria che Pellegri, quindi il tecnico croato dovrà inventarsi qualcosa in avanti. L’idea maggioritaria vorrebbe Miranchuk o Radonjic come finto nueve, ma non è da escludere l’ipotesi di schierare Demba Seck. Il giovane senegalese non è a sua volta una punta centrale, ma avrebbe stazza e caratteristiche per adattarsi.

Come arrivano la Juventus e Max Allegri

Come peggio non si potrebbe. Questo paragrafo potrebbe concludersi con la frase che avete appena letto, ma è ovviamente il caso di approfondire.

Il doppio successo, con un Bologna svagato e un Maccabi a digiuno per motivi religiosi, aveva forse illuso che qualcosa si potesse muovere, nell’impaludato pachiderma che risponde al nome di Juventus 2022-23. La verità è che questa Juve non appare come qualcosa di pure lontanamente simile a una squadra, né ricorda in maniera apprezzabile alcuna delle precedenti squadre di Allegri. Le Juve di “acciughina” sono spesso state poco avvezze all’estetica, ma hanno sempre avuto una grande personalità e capacità di rimanere sempre aggrappati a qualsiasi partita, pur nelle difficoltà. Questa Juve di oggi sembra invece essere priva anche delle suddette qualità.

L’allenatore ha di certo delle colpe in tutto questo, anche se non sarebbe corretto addossare al tecnico tutte le responsabilità di prestazioni inaccettabili, come quella di Monza o l’ultima in Champions con il Maccabi. La Juve deve assolutamente ritrovarsi per non rischiare di aver buttato alle ortiche una stagione già a novembre. La domanda è: può farlo con Max?

L’arbitro di Torino-Juventus

L’arbitro di Torino-Juventus sarà Maurizio Mariani. Per il 40enne della sezione di Aprilia sarà la prima volta nel Derby della Mole, ma negli ultimi anni sono stati diversi i big match che i vari designatori gli hanno affidato. In generale le sue cifre parlano di 125 gare dirette in Serie A, con 590 gialli sventolati per una media di 4,72 a partita. Questo totale comprende anche 17 doppie ammonizioni, che con le 27 espulsioni dirette fanno 44 espulsioni totali decise da Mariani in Serie A. 44 è anche il numero di rigori fischiati in campionato, da parte del fischietto laziale.

Il suo bilancio con Torino e Juventus è il seguente:

Pronostici di oggi

Calcio Bundesliga

dom 16 ott 2022 – ore 19:30

Bayern Monaco – Friburgo

Due i punti di distanza in classifica tra seconda e terza della Bundesliga. Il Bayern Monaco paga i pareggi, già 4 dopo 9 giornate divisi a metà tra interni e esterni. Ma riesce a tenersi nella parte alta della classifica grazie a un attacco capace di 25 goal, il migliore del campionato. In casa i bavaresi non perdono da 6 incontri, e in campionato addirittura dallo scorso gennaio. Ottima stagione per il Friburgo in arrivo da 9 risultati utili in trasferta. Con il segno 1 che appare piuttosto scontato, l’attenzione va tutta al goal, opzione centrata in 4 confronti su 5 in casa del Bayern.

Calcio Bundesliga

dom 16 ott 2022 – ore 17:30

Union Berlino – Borussia Dortmund

Partita verità per l’Union Berlino in testa alla classifica dopo il successo in casa dello Stoccarda. Con una vittoria contro il Borussia Dortmund sarebbe infatti possibile allungare in Bundesliga. L’Union è una delle 3 formazioni a non aver ancora perso in casa, mentre il Borussia ha perso le ultime 2 trasferte. Le quote premiano comunque gli ospiti che hanno vinto 2 dei 4 precedenti giocati sul campo dell’Union. Partita che potrebbe essere quindi piuttosto equilibrata ma con almeno un goal per parte. L’Union segna poco ma con regolarità, mentre il Borussia in trasferta arriva da 4 Over 2.5.

MotoGP MotoGP

dom 16 ott 2022 – ore 5:00

Questo è un campionato destinato a regalare sorprese ed emozioni sino all’ultima curva dell’ultima gara. Ora si corre a Phillip Island, Australia, circuito spettacolare in cui la Ducati di oggi sembra essere favorita. Ma Bagnaia, in scia a Quartararo per il titolo, potrebbe essere frenato dall’ansia di voler evitare errori.

Quindi, perchè non puntare su uno spensierato Jack Miller, padrone di casa ai saluti con Borgo Panigale? La quota merita un gettone, proviamoci.

Scopri tutti i pronostici

Torino: 22 gare dirette (11v, 2p, 9s)Juventus: 12 gare dirette (9v, 2p, 1s)

Un derby è sempre partita particolare e c’è curiosità per vedere come Mariani deciderà di gestirla. Finora, nelle partite ad alta tensione, lo si è visto spesso ricorrere a molte sanzioni. Alcuni esempi:

Napoli-Juventus 2-1 del 2019/2020: 7 cartellini gialliInter-Milan 1-2 del 2020-2021: 6 cartellini gialliSalernitana-Venezia 2-1 del 2022: 8 cartellini gialli, un doppio giallo, un rigoreMilan-Napoli 1-2 del 2022-2023: 7 gialli, un rigore

Questi dati confortano le decisioni che prenderemo riguardo al mercato delle sanzioni.

Leggi ogni giorno i nostri pronostici sui principali campionati di calcio, tornei di tennis e basket

Sanzioni, mercato top per Toro-Juve

Partiamo dai dati certi, ovvero il comportamento tenuto finora da Torino e Juventus sotto il profilo disciplinare. I bianconeri continuano con la loro contraddittoria statistica, poiché sono la quarta squadra meno ammonita della Serie A con 14 (meno gialli solo per Inter, Roma e Napoli), ma anche quella con più espulsioni (3).

Come gialli il Torino si trova a metà del guado, con 20 ammonizioni comminate e nessuna espulsione. Questo dato non cozza con lo stile di gioco della squadra di Juric, che è estremamente aggressiva come abitudini di pressing, ri-aggressione e raddoppi, ma riesce a farlo senza essere eccessivamente fallosa. Infatti anche nel campionato scorso i gialli sventolati al Toro erano nella media, mentre altre squadre con impianto di gioco simile come il Verona di Tudor erano ai vertici tra le più sanzionate.

La presenza di Mariani come arbitro, e i suoi precedenti in match ad alta temperatura, suggeriscono di puntare comunque verso l’alto nel mercato delle sanzioni, partendo dall’over 4,5 punti cartellino.

Da tenere in considerazione anche l’1X2 cartellini, visto che quasi sempre il Toro esce dal Derby con più nomi sul referto dell’arbitro, alla voce ammoniti. Per la precisione, negli ultimi 10 Derby della Mole di Serie A, solo in una occasione la Juve ha avuto più ammoniti: nel 4-1 bianconero del luglio 2020, con Sarri in panchina. In 7 occasioni il Toro ha avuto più ammoniti, in 2 occasioni si è fatto conto pari.

U/O punti cartellino: Over 4,5 – quota Sisal 1,42 (stake 7/10)U/O punti cartellino: Over 5,5 – quota SNAI 1,92 (stake 5/10)1X2 punti cartellino: 1 – quota 888 2,10 (stake 4/10)

Doppia chance: un utile mercato di appoggio

Partiamo dalla considerazione che la quota del Torino nell’1X2 è globalmente appetibile. 888 offre la vittoria dei granata a 3,10. Negli ultimi anni è una quota che non si è mai vista, perché i rapporti di forza tra Toro e Juve erano sempre troppo sbilanciati. Questa volta è diverso, nettamente diverso. Il Toro 2022-23 è a sua volta una squadra che ha problemi di vario tipo, ma ha una chiara identità e ha dimostrato una buona attitudine ad affrontare e superare i momenti difficili.

Si pensi alla gara con l’Empoli, che i granata stavano per perdere nonostante un predominio netto (20 tiri contro 6, quasi il 70% di possesso palla e 6-1 gli angoli), ma che sono riusciti a recuperare. Questa è qualcosa che l’attuale Juve probabilmente non riuscirebbe a fare. Tante, troppe volte i bianconeri sono partiti bene, ma sono durati dai 15 ai 25 minuti per poi sciogliersi alle prime difficoltà. Pur ammettendo che la vera Juve non sia e non possa essere quella vista finora, sembra difficile recuperare combattività e voglia di competere in pochi giorni.

Con questa consapevolezza andiamo a guardare dentro alle quote dell’1×2 e della doppia chance. 3,10 significa che la quota diventa appetibile se pensassimo che il Torino possa vincere QUESTA partita, contro QUESTA Juve, più del 32% delle volte. Ma vogliamo essere prudenti, soprattutto in considerazione delle assenze che costringeranno Juric a reinventarsi il reparto offensivo. Guardiamo alla quota della doppia chance interna (1X) offerta da 888: è 1,58, dunque significa che il suo punto di breakeven è il 63,3%. Se pensate che QUESTA Juve non vinca QUESTA partita più di 1 volta su 3, allora è la quota che fa per voi.

Doppia chance 1X – quota 888 1,58 (stake 6/10)1X2: 1 – quota 888 3,10 (stake 3/10)

Calciatori da tenere d’occhio: Manuel Locatelli

Visti i bollettini medici di entrambe le squadre, dalle probabili formazioni che filtrano si possono immaginare alcuni scenari. Il Toro dovrebbe schierare un centrocampo a 4 con Ricci (se guarisce dalla febbre) e Lukic centrali, con dietro l’appoggio di un difensore dai piedi discreti e bravo in uscita come Schuurs, e avanti sempre almeno uno tra Vlasic, Radonjic e Miranchuk a raccordare il gioco offensivo. Dall’altra parte ci sarà una Juve che, tra i maggiori problemi di quest’anno, mostra spesso una eccessiva distanza tra i reparti e in particolare tra difesa e centrocampo. Cosa significa tutto questo? Semplicemente che c’è una probabilità piuttosto alta che il centrocampo bianconero si ritrovi spesso e volentieri in inferiorità numerica. E in uno scenario del genere, la vittima principale potrebbe essere Manuel Locatelli.

L’ex Milan e Sassuolo non ha mantenuto finora le attese nella sua avventura in bianconero, anche perché a volte utilizzato in ruoli che non ne esaltano le caratteristiche, oppure perché non affiancato da compagni capaci di completarsi con le suddette caratteristiche. La cosa che ci interessa di più, però, è che Manuel nel Derby potrebbe ritrovarsi messo in mezzo da un rombo se non addirittura da 5 avversari. Viste le non infrequenti amnesie del suo probabile compagno di reparto (Rabiot), e anche il fatto che nelle transizioni difensive è quasi sempre Locatelli il primo a occupare gli spazi rimasti sguarniti, una sua ammonizione durante la partita diventa assai probabile. E la quota offerta da Betaland è apprezzabile.

Locatelli ammonito nel match: quota Betaland 3,00 (stake 3/10)

Newsletter

Segui il nostro Bar Sport

Per rimanere aggiornato su eventi, quote e pronostici, segui il nostro canale Bar Sport su Telegram.

SEGUICI

(è gratis!)

Author: Russell Morgan